Corso IAP 150 ORE

Corso IAP (Imprenditore Agricolo Professionale) Riconosciuto dalla Regione Lazio, conferisce il requisito necessario per il riconoscimento della figura di Imprenditore Agricolo Professionale ai sensi dei D.lgs nr. 99/2004 e n° 101/2005.

Corso IAP

Corso IAP - Imprenditore Agricolo Professionale

Autorizzato dalla Regione Lazio con det. G12493 del 13/10/2021

Requisiti di Accesso:
Età: 18 anni compiuti
Titolo di Studio: 
Proscioglimento dell’obbligo scolastico

Inizio: 30 novembre 2021
Durata: 150 ore – 3 mesi
Frequenza: Lunedì – Martedì – Mercoledì – Giovedì
Orario: ore 15.30- 19.30
Tipologia Corso: Corso Online in videoconferenza sincrona durante il periodo di sospensione per l’emergenza COVID-19
Sede di svolgimento: Bracciano (Rm) – Via Claudia, 84
Sede d’esame: Bracciano (Rm) – Via Claudia, 84

Costo del Corso

Il corso ha un costo complessivo di euro 960,00 – Promozione Euro 760,00

 

Modalità di pagamento:
Pagamento anticipato: sconto 5%

Pagamento standard:
Iscrizione: € 160,00
Corso € 400,00
Tassa Esame € 200,00

Pagamento rateale in 12/24 mesi con finanziamento a interessi zero;

Programma del Corso

Modulo 1 – 30 ore
Adempimenti fiscali, amministrativi e politiche agricole

Adempimenti, responsabilità ed obblighi dell’imprenditore agricolo in materia di previdenza, contratti di lavoro dei dipendenti, gestione aziendale contabile, fiscale, PAC, PSR e Condizionalità

Modulo 2 – 30 ore

Igiene e sicurezza lavoro – Tutela ambientale Applicazione della normativa vigente in materia di sicurezza aziendale (D.lgs.81/2008 e ss.mm.ii) a tutela della salute

dei lavoratori, dell’igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro e di salvaguardia del territorio (PAN)

 

Modulo 3 – Tematiche afferenti le focus area – 90 ore

Tematiche prioritarie:

1) Adattamento competitivo ai cambiamenti climatici;

2) Promozione dell’utilizzo delle ICT nelle aree rurali (banda larga/ultra larga);

3) Tecniche di trattamento acque reflue e effluenti zootecnici;

4) Tecniche di promozione e marketing dei prodotti agricoli;

5) Tecniche di benchmarking aziendale;

6) Pratiche sanitarie per l’ottimizzazione gestionale degli allevamenti;

7) Tecnologie innovative per l’ottimizzazione gestionale degli allevamenti;

8) Nuove varietà e genotipi orientate alle produzioni di qualità;

9) Promozione e valorizzazione dell’agro-biodiversità;

10) Metodi e tecniche a basso impatto per il controllo delle avversità;

11) Promozione filiera corta;

12) Tecniche di tracciabilità, certificazione ed etichettatura delle produzioni agricole;

13) Metodologie e tecniche innovative di imballaggio e gestione del prodotto agricolo;

14) Tecnologie innovative per l’irrigazione ed il risparmio idrico;

15) Tecniche di riduzione degli input energetici in agricoltura;

16) Promozione della capacità imprenditoriale, multifunzionalità e diversificazione;

17) Tecniche di salvaguardia patrimonio forestale;

18) Metodi e processi di agricoltura sociale;

19) Promozione e difesa del paesaggio rurale;

20) Nuovi strumenti finanziari- assicurativi per la difesa del reddito.

 

Tematiche secondarie:

1) Tecniche di diversificazione produttiva;

2) Supporto alla introduzione di genotipi innovativi in agricoltura;

3) Supporto alla produzione di IVª e Vª gamma;

4) Produzioni dietetiche e salutistiche (BIO);

5) Innovazioni a supporto delle produzioni vegetali e zootecniche;

6) Logistica dei prodotti legnosi;

7) Certificazione ambientale;

8) Supporto alla innovazione di processo e di prodotto;

9) Supporto all’innovazione organizzativa e di qualità nelle filiere;

10) Pratiche pre e post raccolta per la sicurezza delle produzioni in filiera;

11) Promozione della internazionalizzazione;

12) Tecniche di prevenzione dell’erosione;

13) Miglioramento della capacità imprenditoriale;

14) Strategie di finanza aziendale;

15) Difesa avversità naturali e dagli eventi catastrofici;

16) Telerilevamento applicato all’agricoltura;

17) Robotica e meccanizzazione integrale;

18) Sviluppo ed introduzione di nuove tipologie di prodotti e nuove produzioni;

19) Valorizzazione scarti e sottoprodotti a fini agronomici alimentari ed energetici;

20) Benessere animale.

Destinatari:

Il corso è rivolto a tutti coloro che desiderano avviare un’azienda o una società nel settore dell’agricoltura e dell’ambiente

 

Richiedi Informazioni

11 + 1 =

Pronto per iniziare?